lunedì 1 aprile 2019

AAMPS CONTINUA A CONTRADDIRSI PER GIUSTIFICARE L'INCENERIMENTO DI SEMPRE MAGGIORI QUANTITA' DI RIFIUTI


Non riusciamo proprio a capire come Aamps possa permettersi di parlare di "aria fritta", a proposito del nostro allarme sul futuro aumento del quantitativo di rifiuti inceneriti a Livorno.

Prima contraddizione: dicono che la richiesta di aumento sarebbe la solita proroga chiesta tutti gli anni "quando ci avviciniamo" ai 310 giorni limite per l'esercizio dell'inceneritore. Peccato che questa istanza sia stata presentata tre mesi fa, all'inizio dell'anno, oltre al fatto che non si tratta di una proroga ma un progetto di "modifica gestionale", inspiegabilmente inserito nel progetto per l'impianto di trattamento della carta.

Seconda contraddizione: la richiesta si basa sull'asserita diminuzione del potere calorifico dei rifiuti. Peccato che, contemporaneamente, affermano che grazie al porta-a-porta sono in grado di conferire nell'inceneritore il rifiuto "tal quale", evitando la preselezione, in quanto la diminuzione della frazione umida nei rifiuti indifferenziati aumenterebbe il loro potere calorifico. Insomma, la resa termica aumenta o diminuisce?

Terza contraddizione: dire che la quantità di rifiuti inceneriti resterà la stessa è in contrasto con la semplice matematica, perché bruciare 270 tonnellate al giorno per 365 giorni, come vuole fare Aamps, significa bruciare 98.550 tonnellate l'anno, "traguardo" mai raggiunto in passato dall'inceneritore, che al massimo ha superato di poco le 76.000 tonnellate all'anno. 

Tanto è vero che la Regione Toscana, di fronte a questa inedita richiesta, ha preteso ufficialmente dall'azienda chiarimenti e documentazione integrativa.

Qui tutti gli atti: 


venerdì 29 marzo 2019

AAMPS CHIEDE ALLA REGIONE DI BRUCIARE SEMPRE PIU' RIFIUTI, ALTRO CHE SPEGNERE L'INCENERITORE!


Mentre la giunta comunale nelle scorse settimane continuava a promettere la futura chiusura dell'inceneritore di Livorno dopo il concordato (chiusura non confermata, ne' programmata, in alcun atto del Comune o di Aamps), si incardinava presso gli uffici della Regione il procedimento riguardante un'istanza presentata tre mesi fa da Aamps.

A prima vista, la richiesta di autorizzazione riguarda la trasformazione dell'impianto di preselezione dei rifiuti in un impianto di stoccaggio della carta, in ossequio ad una strategia di incremento del riciclo. Ma nella stessa istanza Aamps ha anche aggiunto la richiesta di incrementare il quantitativo massimo di rifiuti da incenerire dalle attuali 180 tonnellate al giorno a 270 tonnellate al giorno. Non solo, chiede anche di incrementare i giorni di esercizio dell'impianto da 310 a 365 all'anno.

Tale incremento non è previsto nel concordato e neanche nei piani industriali e tecnici, ne' ci risulta sia stato annunciato in nessuna sede istituzionale, a partire dal Consiglio comunale.

In passato, Aamps ha spesso superato i limiti "indicativi" fissati dalla Regione, arrivando a bruciare oltre 76.000 tonnellate nel 2017, invece delle 56.000 previste dall'autorizzazione vigente (pari a 180 tonnellate per 310 giorni). Con l'incremento richiesto in questi giorni da Aamps, negli anni successivi al concordato si arriverebbe - anziché all'annunciato spegnimento dell'impianto - a bruciare oltre 98.000 tonnellate l'anno.

L'aspetto ambientale è terrificante: con l'aumento della raccolta differenziata, i livornesi smaltirebbero nell'inceneritore solo 25.000 tonnellate l'anno, le restanti 73.000 sarebbero importate dalle altre città, che allarmate dagli studi più recenti sull'impatto sanitario di questi impianti si sono rifiutate di costruirli oppure li hanno chiusi.

C'è poi l'aspetto economico: in linea con il mercato, Aamps fa pagare a queste città 110 euro per ogni tonnellata di rifiuti smaltiti nell'inceneritore, che non bastano neanche a coprire tutti i costi di funzionamento dell'impianto: manutenzioni, smaltimento ceneri, acquisto additivi alla combustione, consumi idrici, ecc. Quindi più rifiuti brucia l'inceneritore, più si creano perdite nel bilancio, come viene ammesso anche nel piano di concordato.

Prepariamoci, quindi, non solo ad un aumento delle emissioni inquinanti nel territorio comunale, ma anche a dover far fronte in futuro a nuove difficoltà finanziarie, da risolvere come sempre con ulteriori aumenti della tariffa.


giovedì 21 marzo 2019

LIVORNO, LA DIFFERENZIATA AUMENTA, MA LA TARIFFA E L'INCENERIMENTO NON DIMINUISCONO MAI: COSA C'E' DA FESTEGGIARE?


Non riusciamo proprio a gioire per il raggiungimento della soglia del 65% di raccolta differenziata a Livorno, annunciato a ridosso della campagna elettorale, prima di tutto perché rappresenta un dato molto inferiore (il minimo obbligatorio per legge) rispetto a quello delle altre città di dimensioni analoghe, che all'indomani dell'estensione del porta-a-porta hanno raggiunto da subito risultati ben più alti, tra il 70% e l'80%: una conferma dei difetti nell'organizzazione del servizio di Aamps, a partire dai fallimentari cassonetti con tessera magnetica, propinati ad oltre un quarto della popolazione.

La nostra amarezza è inoltre dovuta al fatto che tutto l'impegno dei livornesi non è servito ne' per ottenere una diminuzione tariffaria, sempre promessa ma poi rinviata, probabilmente a causa delle inefficienze e degli sprechi dell'azienda (a nostro avviso anche per l'inserimento in organico di nuovi dirigenti privi di esperienza di gestione dei rifiuti, con riferimento alla selezione del direttore operativo), ne' per una diminuzione dell'inquinamento ambientale, dato che tutto lo spazio liberato dai livornesi nell'inceneritore è stato e sarà utilizzato dalle altre città: lo smaltimento inquinante è rimasto agli stessi livelli di quando la differenziata era ferma al 40%.

Conoscendo la preoccupazione dei livornesi per l'impatto sanitario degli impianti di smaltimento, il Comune continua però ad affermare senza vergogna che nel piano Aamps è previsto "il percorso per disattivare l'inceneritore". Purtroppo non è vero, basta leggere quel piano (delibera del Consiglio comunale n. 38/2019) per scoprire che l'azienda promette solo una futura "valutazione degli scenari". Cioè niente.
Nel piano aziendale sono invece previsti investimenti per l'inceneritore (pagati con la tariffa) pari a 2,7 milioni di euro nel prossimo triennio, che salgono a 3,9 milioni se si contano anche impianti legati al ciclo dell'inceneritore: il 73% degli investimenti sugli impianti aziendali è quindi legato all'inceneritore (pag. 100 del piano).

Neanche è possibile accettare la versione per cui con l'inceneritore si ripagano i debiti: non solo nel concordato si incolpa proprio l'inceneritore (privo ormai dal 2011 del finanziamento statale, che lo sosteneva economicamente) per l'esplosione dei debiti, ma la riduzione dei debiti stessi coincide con l'importo degli aumenti tariffari negli ultimi 4 anni, pari a 15 milioni di euro, come chiaramente esposto a pag. 30 del bilancio 2016: quindi la riduzione dei debiti è basata solo sull'aumento della TARI deliberato nel 2015 e spalmato sul concordato.

venerdì 15 marzo 2019

ASSUNZIONE DIRETTORE AAMPS, C'E' ANCORA MOLTO DA CHIARIRE


Abbiamo letto la replica di Aamps, pubblicata dal Tirreno, ai dubbi sollevati da più parti rispetto alla procedura di assunzione del suo Direttore operativo. Una replica a nostro avviso molto burocratica, che lascia irrisolte molte questioni.

Tanto per cominciare, ci sarebbe da motivare la necessità per un'azienda in concordato preventivo come Aamps di affiancare al Direttore generale la presenza di un Direttore operativo. Due ruoli e doppio super-stipendio, situazione che non trova molte analogie in aziende di dimensioni simili ad Aamps.

Perfino su wikipedia si può leggere: "nelle imprese italiane il titolo di direttore operativo è usato raramente poiché il manager in questione porta di solito il titolo di direttore generale". 

In secondo luogo, ancor più rara (se non unica) ci sembra la modalità con cui si procede all'affidamento di un incarico dirigenziale (come quello di Direttore operativo), non a scadenza ma a tempo indeterminato, cioè operando una fusione inopportuna (come minimo) tra un posto di lavoro da dirigente (che può essere anche un posto fisso) ed un incarico di direzione, che dovrebbe invece essere sottoposto a periodica valutazione e, in caso di risultati negativi, ad eventuale revoca o mancato rinnovo.

In ogni caso, è bene fare presente alla proprietà di Aamps (rappresentata dal Sindaco e dai Consiglieri comunali) che sebbene nel vigente regolamento di Aamps sia prevista per l'assunzione a tempo indeterminato di dirigenti "almeno una prova d'esame", con attribuzione di punteggi e, se svolta oralmente, "in un'aula aperta al pubblico", il bando in questione prevedeva invece solo una blanda "selezione curriculare" ad opera della commissione di valutazione, dopo una pre-selezione a quanto pare svolta da una ditta esterna!

Non si capisce perché, oltretutto, il bando sia sparito dal sito di Aamps subito dopo l'avvenuta selezione, visto che la legge sulla trasparenza prevede invece che tutta la documentazione resti pubblicata per almeno 5 anni.

Il decreto 175/2016 sulle società pubbliche ha ribadito (art. 19) che per le assunzioni va applicata sempre la normativa prevista per gli enti pubblici, come ministeri e enti locali, in caso contrario i contratti di lavoro "sono nulli". 

Dove si è mai visto un direttore di ministero o di un comune incaricato a tempo indeterminato tramite selezione curriculare, dopo una pre-selezione svolta da una ditta esterna?

Tra i criteri da rispettare, oltre al massimo della trasparenza e della imparzialità, è previsto dalla legge che della commissione d'esame facciano parte solo esperti delle materie di concorso. Il problema è che nel bando di Aamps non erano previste materie di concorso, ma solo una lista di "requisiti" da dichiarare all'atto della candidatura.

Venendo poi al merito di questi "requisiti", ricordiamo sempre al Sindaco e ai Consiglieri comunali che la normativa prevede, anche per le società in-house (vere e proprie articolazioni del Comune: "controllo analogo"), che per il conferimento degli incarichi dirigenziali si tenga conto delle esperienze di direzione maturate altrove "purché attinenti al conferimento dell'incarico".

Invece, nel bando era richiesto di tutto tranne una anche minima esperienza nel settore della gestione dei rifiuti urbani.
Incredibile a dirsi, sono arrivati a scrivere "provenienza ideale multi-utility, trasporto logistica", come se Aamps si occupasse di tram, autobus e metropolitane.

Nell'intero bando non compare mai la parola "rifiuti", né sinonimi più o meno eleganti, come se la materia non riguardasse Aamps. Neanche viene richiesta la conoscenza della normativa di settore (D.lgs. 152/2006, leggi regionali, ecc.).

Non risulta pubblicata la graduatoria con i punteggi (come prevede invece il regolamento aziendale), né il provvedimento di assunzione (come prevede invece la legge), che non è il n. 49/2019 (che riguarda l'assetto organizzativo) come ha dichiarato Aamps, ma il n. 228/2018.

Il curriculum della persona assunta da Aamps, pubblicato sul sito, non presenta nessuna esperienza nel settore della gestione dei rifiuti. 

Al di là di tutti gli aspetti di legittimità (che la Giunta comunale, il Consiglio comunale, i revisori del Comune e di Aamps e gli altri organi di controllo sono tenuti a verificare), ci lascia sbalorditi il fatto che in un'azienda pubblica con gravi problemi, passati e presenti, si reputi opportuno affidare stabilmente la gestione e le responsabilità operative di vertice a chi non si è mai occupato di raccolta differenziata, riciclo, trattamento e smaltimento dei rifiuti. 

Chi erano gli altri candidati? Non sarebbe incredibile se avessero preferito una persona senza esperienza di gestione dei rifiuti ad affermati manager di aziende del settore?

martedì 5 febbraio 2019

GIA' RACCOLTE MILLE FIRME CONTRO IL TRAFFICO DI RIFIUTI A LIVORNO! ECCO LE FAQ SULL'INCENERITORE


Mille firme raccolte on-line in pochissimi giorni, senza nessuno sforzo organizzativo ma limitandosi a lanciare la petizione su Facebook. Segnale inequivocabile che i cittadini, una volta messi a conoscenza di cosa sta succedendo a Livorno, non esitano a protestare e a chiedere subito un cambio di strategia ed una maggiore tutela dell'ambiente e della salute.

Andremo avanti, moltiplicando gli strumenti per diffondere le giuste informazioni. Ecco intanto le FAQ sull'inceneritore di Livorno, per combattere la disinformazione.

Le nostre risposte alle domande più ricorrenti:

1) Senza inceneritore come possiamo smaltire i rifiuti?

- l'inceneritore non fa sparire i rifiuti. Se accendiamo il fuoco in un camino, dopo un po' la legna non è “sparita”, ma si è trasformata in cenere riducendo il proprio volume. Quella cenere va poi messa in qualche posto, inoltre la parte che non è rimasta nel camino è finita nell'atmosfera, sotto forma di gas. 
Con l'inceneritore succede la stessa cosa: non riesce ad evitare il ricorso alla discarica, in cui vanno stoccate le ceneri tossiche residue, inoltre produce gas che si liberano nell'ambiente circostante.
L'alternativa consiste nel ridurre la produzione di rifiuti, differenziare e riciclare al massimo e infine trattare il residuo a freddo, senza combustione, per stoccare in discarica solo inerti (invece delle ceneri) ed evitare la dispersione di sostanze nocive in atmosfera.

2) Senza inceneritore come facciamo a pagare i debiti Aamps e ad evitare un aumento delle tariffe?

- l'inceneritore non rappresenta una fonte di utili per l'azienda e per la collettività. Se riesce a produrre qualche ricavo attraverso la generazione di energia elettrica e l'importazione di rifiuti da altri territori, gli enormi costi per la gestione dell'impianto non riescono mai ad essere coperti da questi ricavi. La differenza viene coperta grazie alla riscossione della tariffa. 
Sono necessarie periodiche manutenzioni ordinarie e straordinarie, l'impiego di lavoratori che potrebbero occuparsi di servizi più virtuosi e redditizi, l'acquisto di additivi alla combustione, il consumo di energia e acqua per il funzionamento, i costi di smaltimento delle acque reflue, delle ceneri, ecc. 
Per mantenere competitiva questa strategia di smaltimento costosissima, gli inceneritori hanno ricevuto per anni contributi pubblici dallo Stato, oltre alla tariffa. 
Nel piano di concordato Aamps si chiarisce infatti che l'interruzione di questi contributi ha comportato “la perdita di un flusso di cassa pari a circa 3 milioni di euro l'anno”, per questo tale perdita è stata inserita tra le "cause principali della crisi” aziendale.

3) Senza inceneritore che fine fanno gli addetti che ci lavorano?

- la raccolta differenziata spinta richiede un maggior impiego di lavoratori, non solo per la raccolta dei rifiuti ma anche per la gestione di isole e stazioni ecologiche e di piattaforme per lo stoccaggio ed il trattamento dei materiali da riciclare o da smaltire tramite trattamento a freddo. 
Rispetto all'incenerimento servono molti più addetti, il cui costo viene ampiamente coperto dal riciclo dei materiali, che possiamo vendere con uno sbocco sul mercato garantito dai consorzi di filiera (carta, plastica, alluminio, ecc.). 
Infatti a Pisa l'inceneritore è stato chiuso e gli addetti sono stati tutti ricollocati, senza nessun licenziamento.

4) Se l'inceneritore rispetta la normativa, come fa ad essere un pericolo per la salute?

- purtroppo il rispetto della normativa non garantisce affatto la protezione della nostra salute. Spesso la legge arriva troppo tardi rispetto ai danni dell'inquinamento. Per esempio, l'amianto è stato vietato dalla legge solo nel 1992, dopo decenni in cui il suo utilizzo era consentito dalle autorità pubbliche. 
Molte sostanze prodotte dai moderni inceneritori non vengono neppure misurate, per la legge non esistono (parliamo delle nanopolveri, che per la loro dimensione microscopica riescono a superare la barriera dei filtri delle ciminiere ed entrano direttamente nel sangue, attraverso i polmoni).

5) Come può essere possibile spegnere subito l'inceneritore?

- anche se a Pisa, così come in molte altre città, l'impianto è stato chiuso all'istante senza nessun problema ambientale ne' economico (e senza chiedere il permesso all'ATO, alla Regione o altri enti), noi non chiediamo uno spegnimento immediato per poi esportare i nostri rifiuti altrove. Il traffico di rifiuti non vogliamo subirlo ma neanche causarlo. 
Chiediamo un piano di progressiva riduzione della quantità di rifiuti incenerita, evitando innanzitutto l'importazione di rifiuti da Pisa e dalle altre città (che devono sforzarsi di ridurre, riciclare e utilizzare di impianti di smaltimento a freddo). 
Nel frattempo Livorno deve dotarsi di propri impianti di riciclo e trattamento a freddo o utilizzare quelli altrui, per giungere nel più breve tempo possibile allo spegnimento dell'inceneritore. 
Nonostante i periodici annunci da parte del Comune (proprietario dell'azienda e dell'inceneritore), Aamps non ha ancora presentato un piano del genere, anzi il piano industriale vigente prevede il mantenimento della capacità massima di incenerimento a 78.000 tonnellate l'anno, a tempo indeterminato e continuando ad investire denaro nell'impianto. 
Non è prevista nei piani aziendali pubblicati finora nessuna futura riduzione dei rifiuti inceneriti ne' lo spegnimento dell'impianto.

mercoledì 23 gennaio 2019

LIVORNO SI MOBILITA CONTRO L'INCENERITORE, BASTA IMPORTARE RIFIUTI DALLE ALTRE CITTA'


Grande successo per l'incontro pubblico svoltosi al Museo di Storia Naturale ed organizzato dal Coordinamento Rifiuti-Zero della Provincia di Livorno: sala strapiena di attivisti, cittadini, associazioni e forze politiche livornesi (compresi molti attivisti M5S), che hanno deciso di mobilitarsi contro il raddoppio delle importazioni di rifiuti da altre città verso l'inceneritore di Livorno, operazione realizzata contemporaneamente alla chiusura dell'impianto di Pisa.

Pur avendo invitato pubblicamente tutti gli interessati, ci è dispiaciuta l'assenza dell'assessore Vece, il quale è però intervenuto a distanza con una lettera pubblicata sul Tirreno in cui respinge una richiesta che nessuno gli ha mai fatto, quella cioè di chiudere "immediatamente" l'inceneritore.

In realtà noi abbiamo sempre e solo chiesto di visionare gli atti in cui si concretizzerebbero gli annunci del Comune a proposito della futura chiusura dell'impianto, in quanto fino ad oggi tutti gli atti di pianificazione consultabili dal sito ufficiale di Aamps dicono esattamente il contrario: nessun progetto di riduzione o chiusura dell'impianto, neanche dopo il concordato, anzi da quest'anno l'inceneritore brucia una quantità di rifiuti importati da fuori città pari al doppio di quelli raccolti a Livorno.

Siamo diventati la pattumiera di mezza regione e non c'è nessun documento che fissa un termine a questo stato di cose.

Fa comunque impressione scoprire che proprio l'assessore Vece è forse l'unico esponente del M5S in Italia ad affermare che un inceneritore produce utili e addirittura che la sua chiusura provocherebbe il licenziamento di chi ci lavora: il movimento a cui appartiene afferma da 15 anni che tutti gli inceneritori provocano danni gravissimi alla salute (Grillo ha coniato il termine "cancro-valorizzatori") e sono economicamente in perdita. Inoltre Pisa ha chiuso il suo inceneritore senza licenziare nessuno ma ricollocando ovviamente i lavoratori in altri servizi dedicati al riciclo.

Durante l'incontro di sabato scorso, Rossano Ercolini (Presidente nazionale Rifiuti-Zero) ha chiamato i livornesi alla mobilitazione, appellandosi anche al loro orgoglio ed invitandoli a firmare la petizione sul sito change.org contro il traffico di rifiuti a Livorno, richiamando il sindaco Nogarin alle proprie responsabilità e chiedendo anche le dimissioni del governatore Rossi, colpevole di non aver ancora realizzato una pianificazione regionale virtuosa per la gestione dei rifiuti.

Su queste battaglie comuni si è inoltre celebrato il "gemellaggio" tra il Coordinamento livornese, le "Mamme no inceneritore" della piana fiorentina ed il "Movimento la Libellula" della valle del Serchio lucchese, presenti con le loro delegazioni per sostenere la lotta contro il traffico di rifiuti verso l'inceneritore di Livorno.

FIRMA: https://www.change.org/p/sindaco-di-livorno-no-al-traffico-di-rifiuti-verso-livorno

venerdì 16 novembre 2018

ALLARME, LIVORNO STA DIVENTANDO LA PATTUMIERA DELLA TOSCANA


Abbiamo sempre messo in guardia dal pericolo di un progressivo accentramento verso la nostra città delle attività di smaltimento inquinante dei rifiuti di mezza regione.

E' servito a poco invitare gli interessati a leggere il piano di concordato Aamps, che non prevede affatto la chiusura dell'inceneritore ma lo sviluppo del suo utilizzo da parte delle città che hanno spento di recente i loro impianti, come Pisa, o hanno evitato di costruirli.

Resta un mistero il motivo di tale operazione, dato che il ripianamento dei debiti è interamente a carico della tariffa, mentre l'inceneritore, con le sue enormi spese di funzionamento e manutenzione, viene indicato dallo stesso concordato come il "principale fattore di crisi aziendale" (a pari merito con l'evasione della TIA-TARI). Quindi non serve a pagare i debiti ma a crearli.

Con l'aumento della raccolta differenziata è possibile per i livornesi fare a meno dell'inceneritore, inviando in discarica solo il 20% dei rifiuti (gli indifferenziati), invece delle ceneri nocive prodotte dalla combustione. Ma la decisione approvata dalla Giunta Comunale lo scorso 6 novembre, involontariamente tragicomica, ha finalmente fatto chiarezza: chiedendo agli uffici, ormai a pochi mesi dalle elezioni, di "avviare un percorso" per l'elaborazione di un semplice "atto di indirizzo" per la futura "programmazione" della chiusura dell'inceneritore, ammette esplicitamente che fino ad oggi nessuno ha provveduto a lavorare per raggiungere tale obiettivo, effettivamente non previsto in nessun atto ufficiale di Aamps (concordato, bilancio, PTF, ecc.). Erano solo parole: in questo contesto la famosa "perizia asseverata" non è altro che un preventivo messo agli atti, ma privo di rilevanza (così come i relativi accantonamenti, che potrebbero essere dirottati per altre esigenze).

Nel frattempo, mentre a Livorno si gioca con gli equivoci, le altre città toscane si liberano dei propri impianti inquinanti e convogliano verso di noi i loro rifiuti da bruciare e farci respirare, facendo della nostra città il punto d'arrivo dei loro traffici di monnezza: dalle 25.000 tonnellate importate a Livorno ogni anno, stiamo rapidamente superando le 40.000 tonnellate/anno, con un obiettivo "a regime" (pag. 14 del concordato) di oltre 53.000 tonnellate/anno. Più del doppio!

Perché vogliono punire l'impegno dei livornesi nella raccolta differenziata, trasformandoci nella pattumiera della Toscana?